10|14


TORNA ALLE NEWS

10|14


TORNA ALLE NEWS

12 Nov 19 | Blog

Design Thinking per la generazione di idee innovative

Nei nostri precedenti articoli abbiamo provato a farti conoscere alcuni aspetti del marketing digitale e come sia possibile far crescere la consapevolezza del tuo brand attraverso la comunicazione e il web design.

Tra le diverse strategie volte ad aiutare il tuo business ce n’è una che merita particolare menzione, un approccio al problem solving pratico e creativo incentrato sulle persone che ha come obiettivo principale quello di agevolare la presa di decisioni strategiche ed esaltare l’efficacia aziendale mediante la generazione di idee innovative.

Stiamo parlando del Design Thinking. Ne hai mai sentito parlare?

 

Cos’è il Design Thinking?

 

Il Design Thinking è comunemente definito come una metodologia di progettazione che fornisce un approccio centrato sulle persone e volto alla risoluzione dei problemi attraverso una visione innovativa.

 

Un buon design non è solo far in modo che qualcosa appaia bella; si tratta anche di fare in modo che questo adempia alla sua funzione.

Il Design Thinking è un processo iterativo che mira a comprendere l’utente, sfidare l’incomprensione iniziale del problema e ridefinirlo per identificare strategie e soluzioni alternative e meno ovvie.

 

Diverse varianti del processo di Design Thinking emersero nel 1969 quando il vincitore del “Premio Nobel” Herbert Simon ne parlò nel suo libroThe Sciences of the Artificial”.
Sebbene queste varianti differiscano in numero di fasi, esse incarnano comunque in primo luogo i principi fondamentali delineati da Simon.

 

Il modello a cinque stadi

 

Empathise – Empatizza con i tuoi clienti/utenti 

Il Design Thinking è un approccio empatico ai problemi che gli utenti affrontano.
Questa prima fase implica parecchio coinvolgimento in particolar modo in questo step il mettersi nei panni delle persone di cui si sta cercando di risolvere i problemi.

Immergersi sia nella testa che nell’ambiente fisico degli utenti target è necessario per una migliore e più personale comprensione delle loro esperienze, problemi ed esigenze.

 

Define – Definisci i bisogni degli utenti 

Il passo successivo è analizzare e sintetizzare i dati raccolti dalla fase precedente per identificare e definire chiaramente il problema principale.

In questa fase bisogna individuare e determinare le problematiche ed esperienze comuni degli utenti, provando a cogliere le esigenze non soddisfatte.

 

Ideate – Spazio per ideazione e brainstorming

Questa è la fase in cui vengono generate le idee. Questa è la fase di brainstorming.

È essenziale che il tuo team contribuisca con varie soluzioni che guardino oltre le risposte ovvie. Ricorda che l’obiettivo è generare modi alternativi e innovativi di affrontare il problema.

Più idee vengono generate, maggiori sono le possibilità di ottenere la migliore soluzione possibile.

 

Prototype – Prototipa per iniziare a realizzare le soluzioni

Ora è il momento di implementare le migliori idee del tuo team in una serie di prototipi. Questi verrano valutati, respinti o accettati, migliorati e riesaminati in base all’esperienza degli utenti.

Questa fase dovrebbe fornire al team insights più approfonditi su come gli utenti reali sentono, pensano e interagiscono con il prodotto finale.


L’obiettivo è capire cosa va e cosa no, in modo da migliorare il prodotto sulla base dei feedback

 

Test – Metti alla prova le soluzioni testandole

Il prodotto completo viene sottoposto a test meticolosi utilizzando le migliori soluzioni precedentemente azzerate durante la fase di prototipazione.

Sebbene questa sia la fase finale, è importante notare che si tratta di un processo iterativo. 

In altre parole, il prodotto viene quindi proposto agli utenti iniziali (quelli del primo step  – fase #1) per capire se il problema è stato risolto o migliorato, se rispetta le loro esigenze e per raccogliere ulteriori feedback da applicare al prodotto.



Migliora sempre

Il pensiero progettuale non è statico. Di tanto in tanto dovresti continuare a migliorare il sito Web a seconda delle esigenze e dei problemi dei nuovi consumatori.

Se credi davvero che il cliente sia al centro della tua strategia, allora il Design Thinking è un approccio naturale da seguire.

Mantenere felice il cliente / utente finale è il fulcro della tua attività.

 

 

Quali sono i Vantaggi del Design Thinking?

 

È centrato sull’uomo. 

Contrariamente al metodo scientifico che si basa esclusivamente su dati quantitativi, il Design Thinking si identifica con le persone per le quali i prodotti e i servizi sono progettati.
Prende in considerazione lo stato emotivo degli utenti, nonché i loro bisogni espliciti e impliciti. Questo approccio garantisce che il prodotto affronti il ​​problema non solo a livello visivo ma a un livello emotivo più profondo.

 

Riduce al minimo incertezze e rischi.

Il Design Thinking riduce i rischi perché considera un’ampia gamma di potenziali soluzioni durante il suo processo espansivo e iterativo di riformulazione del problema, il brainstorming della soluzione e la prototipazione e il test pratici.

 

È incentrato sulla soluzione.

Attraverso il Design Thinking si assicura che si trovi la migliore soluzione possibile creando diversi prototipi in cui vengono implementate e valutate diverse idee.

Allo stesso modo, il prodotto completo, che è già ottimizzato con le migliori soluzioni, continua a essere rigorosamente testato.

 

Perché adottare Design Thinking per la tua attività, ecco qualche esempio

Sono diversi gli esempi di aziende che attraverso modifiche, piccoli accorgimenti e correzioni all’approccio fino a quel momento utilizzato, hanno raggiunto risultati importanti grazie al Design Thinking.

Uno degli esempi più famosi è Airbnb.

 

I fondatori si sono resi conto che uno dei problemi che scoraggiava le persone dall’utilizzare il servizio era la scarsa qualità delle foto caricate dagli Host: alcune di queste venivano scattate con fotocamere del telefono difettose, avevano una scarsa illuminazione o addirittura in alcuni casi le foto erano assenti.

 

È ovvio che operando in questo modo qualsiasi persona possa avere dei dubbi prima di confermare una prenotazione.

Soggiorneresti mai in un appartamento che hai visto solo attraverso poche foto di scarsa qualità?

Come poteva risolvere il problema Airbnb? Andando a casa di ogni host a scattare foto di qualità?

Si, andò proprio così.

Ogni visita ai padroni di casa fu soprattutto l’occasione per conoscere le loro esperienze nell’hosting ed avere feedback da parte loro.

Grazie a questa mossa raddoppiarono i loro profitti entro una settimana.

Piccolo dettaglio: Airbnb continua ad offrire gratuitamente fotografi professionisti per scattare le foto degli appartamenti.


Prestare attenzione a piccole cose come queste può fare un’enorme differenza alla fine.

 

Non si trattò di una semplice intuizione; faceva parte piuttosto di un approccio progettuale: ogni idea volta a migliorare l’esperienza dell’utente deve essere testata; prototipi più recenti devono essere messi in campo per risolvere i problemi delle persone e far crescere sotto ogni aspetto un’azienda.

 


 

Questo tipo di approccio incentrato sull’uomo e sulle sue esigenze può rivelarsi quindi di grande aiuto per la tua attività supportandoti nella ricerca di soluzioni alternative per l’ottimizzazione del tuo business.


Se desideri conoscere di più, approfondire questo argomento, oppure vuoi capire come poter applicare alcuni aspetti di questo approccio al tuo business,  contattaci!

 

Hai un’idea per un progetto? Contattaci!

Parleremo della tua idea e di come trasformarla in un progetto che ti permetterà di raggiungere gli obiettivi prefissati. Invia una mail a hello[at]madfarm.it, ti contatteremo al più presto!